Logho IPAV
Istituzioni Pubbliche di Assistenza Veneziane

ComunitÓ alloggio per persone con disturbi mentali Giubileo

DESTINATARI
La Comunità alloggio per pazienti psichiatrici “Giubileo” è situata nel Centro Storico di Venezia e può accogliere fino ad un massimo di 20 persone. Il Servizio accoglie persone adulte (in carico al Dipartimento di Salute Mentale dell’Aulss 3 Serenissima) che siano affette da patologia psichiatrica severa e persistente, accompagnata da scarsa autonomia personale e sociale e che, al momento dell’ingresso, abbiano un’età superiore ai 40 anni.
Sono considerate diagnosi elettive schizofrenia e psicosi schizofreniche, sindromi affettive e  disturbi di personalità gravi.

FINALITA’

La Comunità Alloggio è una struttura residenziale a carattere socio-sanitario, destinata all’assistenza e alla riabilitazione di persone con problematiche psichiatriche che, durante il progetto riabilitativo, presentano parziali livelli di autonomia e necessitano di sostegno per la gestione della propria autosufficienza.  
Durante la permanenza in comunità, vengono attivati progetti riabilitativi a lungo termine secondo gli standard autorizzativi e di accreditamento previsti dalla Regione Veneto attraverso la Legge Regionale n.22/2002, DGR n. 1616/2008 e successive modifiche, che definiscono specifici legami fra le varie necessità riabilitative, i diversi modelli di intervento. Come le altre strutture residenziali, svolgendo attività terapeutico-riabilitative, anche se a medio-lungo termine, non è da considerarsi come abitazione permanente, né è possibile acquisirvi la residenza.
In analogia con le altre unità di offerta della salute mentale, sono esclusi i pazienti affetti da demenza, ritardo mentale medio o grave.

LA STRUTTURA
La Comunità alloggio per persone con disturbo mentale “Giubileo” è situata nel Centro Storico di Venezia e può accogliere fino ad un massimo di 20 persone in stanze doppie, con bagno di pertinenza e prevede un’assistenza continuativa sulle 24 ore, per tutti i giorni dell’anno.  

SERVIZI OFFERTI
La Comunità Alloggio è finalizzata alla realizzazione di percorsi personalizzati di riabilitazione psicosociale, risocializzanti ed assistenziali, mirati allo sviluppo delle abilità residue della persona, all’attuazione di esperienze di autonomia al miglior livello possibile e all’integrazione della persona nel territorio e nel contesto sociale.
Secondo il modello della Recovery, la persona, nonostante il disturbo mentale e le conseguenti disabilità, può infatti riacquisire e sviluppare capacità compromesse e recuperare un ruolo  attivo nel proprio ambiente di vita, integrandosi, nel modo migliore possibile, nella vita della comunità di appartenenza.

ATTIVITA’ ASSISTENZIALI ED EDUCATIVE
In funzione degli obiettivi, il Servizio organizza e attua:
  • Attività orientate al recupero delle autonomie di base: ad es. cura di sé, cura dell’ambiente, supporto nella gestione del denaro, supporto nella gestione e nella regolamentazione delle sigarette, pianificazione dei propri impegni, supporto per acquisti e commissioni
  • Attività riabilitative strutturate, basate sulle evidenze scientifiche: Social Skill Training, Psicoeducazione, Tecniche di Rimedio Cognitivo, Token Economy, Illness Management and  Recovery, arteterapia
  • Attività sanitarie e terapeutiche: assistenza psichiatrica e psicologico-psicoterapeutica individuale e di gruppo, assistenza infermieristica, visite ed esami di medicina generale o specialistica
  • Attività educativo-risocializzanti e di inclusione sociale: ad es.  acquisto e lettura del quotidiano, attività espressive di gruppo, soggiorni, circuiti culturali (cinema, teatro, musei, ecc.)
EQUIPE MULTIPROFESSIONALE
L’équipe multiprofessionale comprende: Responsabile psicologo-psicoterapeuta; Psicologo, adeguatamente formato in tecniche riabilitative EBM, con funzioni di supporto alle attività riabilitative; Educatore con funzioni di programmazione ed attuazione delle attività risocializzanti ed educative; 12 operatori socio-sanitari, di cui 1 con funzione di coordinamento; un infermiere professionale.
Sono inoltre previsti interventi programmati di altre figure professionali, in particolare: medico psichiatra; medico di medicina generale curante o individuato dalla comunità; assistente sociale (funzione assicurata dal Dipartimento di Salute Mentale Aulss 3 Serenissima).

RAPPORTI CON LE FAMIGLIE
Quando effettivamente possibile, il Servizio coinvolge i familiari nella definizione, nella realizzazione e nella verifica dei percorsi riabilitativi, considerando la famiglia una risorsa fondamentale per il conseguimento degli obiettivi.
Le modalità  e la frequenza di visita in struttura da parte dei familiari, così come da parte di amici o conoscenti, vengono stabilite di volta in volta, insieme all’équipe inviante, sulla base del Progetto Personalizzato, nel rispetto in ogni caso degli altri ospiti e delle attività del Servizio. È adottato un regolamento per i familiari che viene consegnato a questi ultimi e che in ogni caso è esposto presso la struttura. La Comunità promuove il coinvolgimento dei familiari anche tramite colloqui e verifiche in merito al percorso residenziale dell’utente.

MODALITA’ DI ACCESSO
L’accesso, previa autorizzazione dell'Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale (UVMD), nonché su conforme assenso del Responsabile della Comunità Alloggio, avviene su invio del Centro di Salute Mentale (CSM), territorialmente competente, che ha in carico la persona e prevede la predisposizione di un progetto personalizzato riabilitativo (PPR) concordato dalla Comunità Alloggio con l’èquipe del CSM di riferimento dell’utente, tenendo conto di quanto deciso nella UVDM.
Il tempo di attesa per l’ammissione non deve superare i 30 giorni dalla formulazione del progetto di inserimento, ad eccezione di saturazione dei posti letto.

PER INFORMAZIONI FONDAZIONE VENEZIA SERVIZI ALLA PERSONA
via Rampa Cavalcavia 9, Mestre - Ve
tel 041 3039211
Fax 041 3039299

TARIFFA RETTE

L’inserimento presso la Comunità Alloggio prevede il pagamento di una retta giornaliera, definita nella Dgr 1673 del 12 novembre 2018. Tale retta ammonta attualmente, per ogni ospite, a 113 euro al giorno.
La retta è ripartita, in base ai LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), previsti dal DPCM 12 gennaio 2017, tra quota sanitaria e quota sociale, stabilite in percentuale dalle vigenti normative regionali.
Il Comune di residenza della persona interessata, previa presentazione di apposita domanda di contributo e sussistenza dei requisiti, sostiene il costo di parte o dell’intera quota sociale.
torna all'inizio del contenuto